Tangatamanu project





Tangatamanu is the name of a project that joins Alberto Morelli and Stefano Scarani in order to discover different styles and expressive forms.

Tangatamanu derives its name from the Rapa-Nui God-Bird inspired to the tern. The migrant bird can go over the ocean to create a bridge that gets into contact with the external world: so it can be considered a symbol, a paradigm of new expressive forms.

Tangatamanu activities are music composition, sound design, concept and realization of performances, sound environment, interactive installations.

Tangatamanu has realized music and sounds for museums, public and private institutes as Biennale di Venezia, Expo 2000, European Comunity, Bienal de Valencia, Kristallwelten Swarovsky, Philips, ICC museum of Tokyo, Triennale of Milan, Museo della Scienza e della Tecnica of Milan, STET, Domus Accademy, and for designers and stylists as Armani, Moschino, Cocinelle, Mandarina Duck, Malo, Girbaud.

Alberto Morelli and Stefano Scarani have been working permanently with Studio Azzurro for many years as composers and sound designers for interactive artistic audio/video sculptures. This cooperation with Studio Azzurro and its own artistic style gave to Tangatamanu the opportunity to realize a particular sound image representing Studio Azzurro's grief.

Tangatamanu é il nome del progetto che unisce Alberto Morelli e Stefano Scarani in un percorso artistico che attraversa differenti stili e forme espressive.

Tangatamanu prende nome dal Dio Uccello di Rapa-Nui ispirato alla sterna di mare. L'uccello migratore rappresenta colui che può varcare gli oceani e creare un ponte con l'esterno. La figura mitologica del Tangatamanu diventa così il paradigma della sperimentazione della ricerca di nuove forme del comunicare attraverso l'atto creativo.

L'attivitá di Tangatamanu spazia tra composizione musicale, sound design, progettazione e realizzazione di performances, ambienti sonori, installazioni interattive.

Sono state realizzate opere in musei istituzioni pubbliche e private tra cui Biennale di Venezia, Hexpo 2000, Comunita' Europea, Bienal de Valencia, Kristallwelten Swarovsky, ICC museum of Tokyo, Triennale di Milano, Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, STET, Domus Academy, oltre a designers e stilisti come Armani, Moschino, Cocinelle Mandarina Duck, Malo, Girbaud

Da diversi anni Alberto Morelli e Stefano Scarani sono collaboratori fissi di Studio Azzurro nella progettazione e realizzazione della parte musicale e della sonorizzazione di opere multimediali. La collaborazione con Studio Azzurro e il linguaggio artistico che ne caratterizza i lavori ha permesso a Tangatamanu di sviluppare uno stile musicale e di immagine sonora divenuto carattere stilistico proprio di Studio Azzurro.
Tangatamanu Alberto Morelli and Stefano Scarani